Assistenza a casa in sicurezza: La Guida.

Pubblicato il da abbadorzusolidale.over-blog.it

carrozzina
Regole semplici e chiare per semplificare il delicato compito di chi si prende cura dei nostri cari

La guida ministeriale “Assisto e curo a casa in sicurezza” è pensata per fornire semplici regole e suggerimenti agli operatori sanitari impegnati nell’assistenza domiciliare.

1. Collaborare con gli altri operatori che assistono il paziente

Individuare l’operatore sanitario di riferimento per lo specifico paziente. Raccogliere informazioni dagli altri operatori che curano ed assistono il paziente e segnalare loro qualsiasi cambiamento delle condizioni cliniche. Predisporre con gli altri operatori un piano di azione in caso di pensieri ossessivi di morte o depressione del paziente.

2. Prestare attenzione alle condizioni ambientali

Assicurarsi che nell’ambiente vi sia illuminazione sufficiente, luce notturna e, se necessario, dispositivi sanitari, presidi antidecubito, ventilatori, e verificarne la funzionalità. Per evitare le cadute, far togliere i tappeti, mettere tappetini antiscivolo nella vasca o doccia, spostare - se necessario - il letto al piano terra, apporre i corrimano.

3. Lavarsi le mani

Per evitare infezioni, lavarsi le mani - e invitare tutti a farlo - prima di ogni contatto con il paziente.

4. Istruire per il paziente

Verificare le abitudini del paziente rilevanti per la salute, in particolare l’alimentazione, l’assunzione di liquidi e il movimento. Controllare che il suo abbigliamento sia adatto alla temperatura ambientale, che calzi pantofole chiuse e non indossi cinture, per evitare il rischio di caduta. Fornire al paziente, e a chi lo assiste, informazioni per collaborare alla propria cura. Se necessario, chiedere la presenza di un interprete o di un mediatore culturale.

5. Istruire chi assiste il paziente

Identificare la persona della famiglia a cui fare riferimento. Accertarsi che chi assiste il paziente abbia compreso le istruzioni impartite; si citano- ad esempio- il controllo della glicemia, la nutrizione, l’assunzione e l’eliminazione di liquidi, il movimento, il trasferimento del paziente dal letto alla carrozzina o ad altri ambienti, e le misure da adottare per prevenire eventuali rischi. Suggerire di rinviare le visite al paziente da parte di persone con patologie trasmissibili.

6. Prestare attenzione ai farmaci che assume il paziente

Controllare che i farmaci assunti dal paziente siano quelli prescritti, e verificare dosaggi, orari, scadenze, modalità di conservazione e il corretto uso dei dispositivi di somministrazione (es. pompe di infusione). Segnalare al medico curante se il paziente assume altri farmaci oltre a quelli prescritti, prodotti erboristici, fitoterapici ed integratori.

7. Compilare e custodire la documentazione

Compilare e custodire accuratamente la documentazione clinico assistenziale, applicando adeguati codici di allerta per avvisare gli altri operatori circa eventuali situazioni di rischio.

8. Fornire le informazioni cliniche del paziente in caso di suo trasferimento

Nel caso di trasferimento in ospedale o in altra struttura, fornire con tempestività le informazioni cliniche e assistenziali del paziente.

9. Partecipare al sistema di gestione del rischio clinico

Collaborare attivamente al sistema di segnalazione degli eventi avversi (incident reporting) e concorrere alle attività di gestione del rischio clinico e di miglioramento della qualità nel servizio.

10. Aggiornarsi per la sicurezza

Aggiornare continuamente le proprie competenze tecniche clinico assistenziali, organizzative e di analisi e gestione del rischio clinico. A tal fine, sono disponibili strumenti e materiali sul sito del Ministero della Salute (www.salute.gov.it/qualita/qualita.jsp). Condividere i materiali e le conoscenze con gli altri operatori ed i tirocinanti.

Con tag Disabilità

Commenta il post