Il Sindaco Orani protesta con l' Assessore alla Sanità Liori.

Pubblicato il da abbadorzusolidale.over-blog.it

carrozzina

Il comune di Ittiri scende in campo contro i tagli sui piani personalizzati per disabili gravi.

Ad alzare la sua voce di protesta è il sindaco Tonino Orani. 

Di Paolo Pasca - Unione Sarda

 

-" Lo spirito della legge 162 del 1998 dovrebbe esssere quello della prevenzione" dice il sindaco," della promozione e integrazione sociale dei disabili, del supporto alla famiglia e della domicililiarità. Con le Delibere di Giunta Regionale del 18 ottobre e del 21 dicembre 2010 la Regione Sardegna, ha modificato i criteri da seguire nell’assegnazione dei punteggi, ciò ha comportato nella pratica, riduzioni drastiche per tutti e in particolar modo per i disabili più giovani e più gravi. I finanziameni erogati in base ai nuovi criteri, non solo non consentono di lavorare in termini di prevenzione e sostegno alla famiglia, tanto meno di integrazione, ma non garantiscono neppure quel minimo di assistenza che consenta alle persone disabili di avere il minimo indispensabile." In pratica c hi nel 2010 ha subito dei ricoveri, ha frequentato asili o scuole, ha usufruito dei permessi di cui alla Legge 104/92, ha visto il finanzaimento ridotto anche di tre quarti . Le “schede salute”, compilate per la prima volta dai medici di medicina generale, formulate come questionari standard uguali per disabili di ogni età e patologia, non si sono rilevate adeguate nella lettura del bisogno di ciascuno. Giusto per indicare qualche cifra,

il Comune di Ittiri ha presentato in tutto 341 piani, di cui 61 nuove richieste e 280 rinnovi, ottenendo un finanziamento complessivo da marzo a dicembre 2011 di 967.405.00 euro.

In totale per i 280 rinnovi, i disabili del Comune di Itttiri, hanno subito un taglio di 167.785,35 euro, così che a persone affette da patologie degenerative e irreversibili sono stati assegnati finanziamenti ridotti drasticamente (da 705 euro al mese nel 2010 a 250 euro al mese nel 2011; da 958 euro al mese nel 2010 a 352 euro al mese nel 2011; da 872 euro a 242 euro; da 500 euro a 187 euro, etc. ) . " Che significato ha tutto questo? L’Assessore alle Politiche Sociali e il Sindaco del Comune di Ittiri hanno una risposta sola: perdita di dignità per i nostri disabili e le loro famiglie unita allo sconforto degli amministratori che, impotenti, devono sottostare al dictat di una politica sorda al bisogno dei più deboli che applica tagli indiscriminati ai servizi essenziali che dovrebbero essere, al contrario, diritti acquisiti e consolidati."

Orani quindi alza la sua voce in nome e per conto soprattutto dei disabili ittiresi,  "invitando gli altri comuni ad unirsi alla protesta, e chiedendo che il Consiglio Regionale, facendosi interprete di questo moto generale di malcontento impegni la Giunta a tornare sui suoi passi e a rivedere i criteri in base ai quali sono valutati i piani. " Paolo Pasca

Con tag Disabilità

Commenta il post