L' Assessore Liori al Sindaco di Ittiri : "nessun taglio all' assistenza dei disabili."

Pubblicato il da abbadorzusolidale.over-blog.it

liori-1.jpg

L' On. Liori - Assessore alla Sanità

 

Di Paolo Pasca - Corrispondente Unione Sarda

 

 “Non c’è stato alcun taglio all’assistenza per i disabili. Anche quest’anno la copertura finanziaria dei piani personalizzati per i disabili, previsti dalla legge 162, sarà totale, nonostante per il 2011 siano aumentati di circa 3.000 unità, diventando oltre 32.000." 

E' il commento dell'assessore regionale della Sanità, Antonello Liori, alle considerazioni del sindaco di Ittiri, Tonino Orani, sui piani personalizzati in favore di persone con grave disabilità nel 'Fondo per la non autosufficienza' .

  "Quelli che alcune famiglie hanno percepito come 'tagli' - ha proseguito l'assessore Liori - in realtà sono sopratutto il frutto del punteggio derivato dalla 'scheda salute', quest'anno affidata più appropriatamente alla competenza di un medico e non più di un assistente sociale, come questi ultimi chiedevano da tempo. Scheda che è rimasta immutata e che insieme alla 'scheda sociale' stabilisce il livello di non autosufficienza del disabile, con conseguente attribuzione del finanziamento. Inoltre, quest'anno siamo finalmente riusciti ad avere le dichiarazioni riguardanti altre provvidenze pubbliche e/o servizi fruiti, così da consentirci di avere un quadro più completo delle singole situazioni, potendo assegnare in maniera più adeguata i soldi pubblici, con l'obiettivo di non penalizzare coloro che hanno maggiormente bisogno. Si tratta, comunque, di una fase sperimentale, che avrà certamente le opportune modifiche anche nei criteri, così da realizzare un modello, disegnato sui bisogni della persona, che abbia pochi margini di interpretazione soggettiva ed eviti eventuali storture nell’applicazione."  La polemica a distanza fra assessore e sindaco di Ittiri verte anche sui livelli di assistenza." Sono impegnato a far rispettare le regole ed a salvaguardare i livelli di assistenza finora garantiti dalla 162, individuando, però, con nuovi criteri di equità e ragionevolezza la migliore e più corretta applicazione della legge in favore delle persone in situazione di handicap grave. Non ho alcuna intenzione di distruggere il modello della 162, ma ho preso atto che, anno dopo anno, le domande di contributo aumentano di migliaia, rendendone difficile l’applicazione . L’obiettivo è quello di sostenere più le categorie più svantaggiate,  consentendo loro di ottenere con certezza il finanziamento adeguato dei loro piani, ripristinando così lo spirito originario della legge. La 162 era diventata l’ombrello normativo di troppe situazioni differenti, che le hanno fatto perdere le finalità originarie, creando situazioni di disagio soprattutto per i bisognosi di maggiore assistenza. Il mio impegno nei confronti delle politiche sociali " conclude Liori "è ben dimostrato dagli importanti provvedimenti finora presi dall’Assessorato, che hanno l’unico obiettivo di sostenere con forza le categorie più svantaggiate. Perciò, è con profondo dispiacere che vivo le polemiche, a volte strumentali, createsi intorno alla 162. Il mio impegno resta indirizzato verso scelte che non taglino o riducano l’assistenza, ma la riqualifichino e sopratutto consentano di spendere meglio, salvaguardando i bisogni più importanti.
Non si è fatta attendere la risposta del Sindaco di Ittiri il quale sostiene che:

" L’ Assessore Liori dovrebbe anche indicarci come possiamo motivare le scelte della Regione, davanti a genitori di bambini disabili, che da un giorno all’altro non hanno più diritto a servizi di prevenzione e integrazione , quali sport-terapy, pet-terapy, ecc. e possono a stento permettersi servizi di base come l’assistenza generica. Dovrebbe indicarci le parole migliori per giustificarci con quegli uomini e con quelle donne , che si trovano a dover decidere di lasciare il proprio lavoro, nonché l’unico reddito su cui la famiglia può contare, per poter garantire assistenza necessaria al proprio coniuge."

Orani elenca i problemi di anziani e disagiati in generale, privati, a suo dire , dei sostegni essenziali. 

" Cosa diciamo agli anziani soli, senza una famiglia su cui poter contare, che da 1 ora di assistenza al giorno passano ad 1 ora la settimana ?

Come possiamo spiegare a tutti quei bambini e ragazzi affetti da patologie neuro-motorie, da iperattività, ritardo mentale, disturbi di personalità,  che, come indica la loro scheda salute, sono più che autosufficienti, perché vedono, sentono, deambulano autonomamente, non solo, addirittura mangiano da soli, ma … dipendono completamente da altri? Chi supporterà le loro famiglie se non hanno più a disposizione i fondi per garantire loro assistenza educativa e le attività di integrazione sociale? Come possiamo spiegare ai disabili, che non possono più permettersi dei ricoveri, se non vogliono che il finanziamento dell’anno successivo venga dimezzato? E ancora, come spieghiamo alle famiglie, che sono cambiati i parametri per l’attribuzione dei punteggi in base all’età e di conseguenza accade che, se l’handicap è insorto entro i 14 anni, il loro punteggio resta invariato, ma se è insorto successivamente, il punteggio viene dimezzato rispetto all’anno scorso, quando l’età di riferimento era 35 anni? "

Per il sindaco di Ittiri l’unica soluzione trovata dalla Regione è stata quella di affidarne la compilazione al medico, anziché all’assistente sociale. La scelta appare certamente adeguata rispetto alle competenze delle figure professionali , ma  continua a non risolvere  il vero problema: quello della lettura del bisogno.

"Se dunque questi sono i “nuovi criteri di equità e ragionevolezza  per una migliore e più corretta applicazione della legge in favore delle persone in situazione di handicap grave” , così come specifica l’Assessore Liori, riteniamo che lo sforzo profuso, nonostante i buoni propositi, non solo non ha portato al risultato sperato, ma ha danneggiato proprio i disabili più deboli. "

Con tag Disabilità

Commenta il post

Giacomo 12/09/2014 12:22

Benfatto!!!
Anche perchè guardate qui che belle iniziative possono essere messe in campo

http://7giorni.info/cronaca/settala/a-settala-mobilita-gratuita-ecco-come-le-aziende-possono-fare-business-aiutando-il-sociale.html

Serefina 04/08/2011 13:33


Che colpa ne avrà l' assessore se a compilare la scheda dei nostri figli ci ha pensato il medico ? Dobbiamo cambiare medico oppure la valutazione data corrisponde alla realtà delle cose ? Per la
sua parte il comune ha distribuito bene le risorse che gli sono state affidate ? Non sarebbe opportuno, almeno sino a quando le cose non cambiano, sospendere le feste e le sagre ed i balletti e le
sfilate e devolvere quelle risorse ai disabili ed alle loro famiglie ?


Baingio 04/07/2011 07:59


Bene ha fatto l' Assessore Liori a rispondere per le rime al sindaco di Ittiri che, ha sempre questo brutto vizio politico, cerca di scaricare responsabilità sue e della sua giunta sugli altri. Del
resto così gli ha insegnato la "scuola" politica dalla quale proviene. Noi genitori abbiamo fiducia nell' operato dell' assessore e lo invitiamo ad andare avanti.
Grazie.