Volontariato "Interessato", oppure una enorme bufala ?

Pubblicato il da abbadorzusolidale.over-blog.it

 

Aion di Ittiri: truffa e maltrattamenti. Accuse gravissime.

Ma che cosa è accaduto ? Come è stato possibile che persone perbene, e lo sono ancora sino alla dimostrazione delle accuse nei gradi di giudizio che eventualmente dovranno affrontare, impegnate quotidianamente nel sociale, ed in particolare nel campo sanitario e di assistenza attraverso una attività, svolta totalmente in forma volontaristica e gratuita, a difesa delle persone affette dal morbo di Alzheimer, possano essersi macchiate di una azione così grave ed infamante ? La nostra piccola comunità, fatta di famiglie che si intrecciano e si legano una all’altra da rapporti antichi che ci permette di conoscerci tutti, almeno di vista, ci consente di sapere e di capire quando alcune cose non vanno. Siamo testimoni, e lo affermiamo con forte determinazione,  della serietà professionale delle persone coinvolte, alle quali va tutta la nostra solidarietà e comprensione ed ai quali auguriamo una soluzione positiva ed indolore. Solo che ormai, come accade da troppo tempo ed in tutti i settori della vita sociale e politica, il danno è fatto ! La reputazione e la serietà delle persone coinvolte è seriamente compromessa. Una eventuale, ed auspicata, sentenza di assoluta estraneità ai fatti potrà riequilibrare il grado di affidabilità ? Non solo dei medici coinvolti e dei dirigenti della associazione di volontariato che si occupava dell’ accoglienza, ma anche del politico travolto da questo “incidente” che, credendo fermamente in questa terapia alternativa all’ uso dei farmaci, ci ha messo la faccia, il suo impegno e la sua persona al servizio di una causa e di una cura, ancora da affinare e dimostrare attraverso un protocollo scientifico, che avrebbe dovuto e potuto dare risalto alla nostra cittadina a livello internazionale.  Alcuni mesi fa abbiamo trattato l’ argomento delle tecniche utilizzate dal Dott. Giuseppe Dore per curare i malati di  Alzheimer, la terapia “Neuropsicanalisi”, che è improntata totalmente nel rapporto umano, nel ragionamento e nello stimolo continuo per risvegliare quella parte di cervello “dormiente”. In attesa che la magistratura, come è giusto che sia, svolga il suo lavoro di accertamento dei fatti,  vi proponiamo l’articolo de “L’unione sarda”.

Ci sono anche 4 medici e un consigliere regionale tra gli arrestati dai carabinieri dietro mandato della Procura di Sassari. Sarebbero a vario titolo coinvolti in un’associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dei malati di Alzheimer. Nei loro confronti sarebbero stati compiuti anche maltrattamenti e violenze fisiche e psicologiche. Nei video registrati dai carabinieri le immagini choc. Gli arrestati dai carabinieri del comando provinciale di Sassari per associazione per delinquere finalizzata alla truffa sono il consigliere regionale del Pdl Antonello Peru, 48 anni, di Sorso e i medici neurologi Giuseppe Dore, 43 anni, di Ittiri, Marinella D’Onofrio, 52 anni, di Sassari, Massimo Lai, 47 anni, di Olbia e Gianfranco Dettori, 33 anni, di Sennori. Dore e D’Onofrio in carcere, gli altri ai domiciliari. Tra gli arrestati anche numerosi parenti dei pazienti di una struttura sanitaria di Ittiri (Sassari). In carcere sono finiti Salvatore Fadda, 43 anni, di Ittiri, collaboratore di Dore; Maria Giuseppa Irde, 46 anni, di Bonorva, collaboratrice di Dore; Ornella Bombardieri, 62 anni, di Roma, familiare di un paziente. Agli arresti domiciliari, invece, Stefania Serra, 37 anni di Sassari, Andrea Di Carlo, 35 anni, di Grottaferrata (Roma), Carolina Greco, 35 anni di Senigallia, Verusca Panara, 40 anni, di Bucchianico (Chieti), Cosimo Sarra, 68 anni, di Dolianova (Cagliari), Federico Belli, 64 anni di Tortoreto (Teramo), tutti familiari di paziente, e Alfonso Di Stavolo, 47 anni di Roma, assistente di un paziente.

LE ACCUSE – Avrebbero costituito un’organizzazione, l’Associazione Italiana Operativa Neuropsichiatrica (Aion Onlus) a scopo di lucro, traendo profitti dalle pseudo visite specialistiche, dalle donazioni dei familiari dei pazienti e dalle vendite delle pubblicazioni della società editrice Saturno, nonché dai contributi della Regione Sardegna. In realtà, sotto la copertura formale dell’associazione, i due neurologi finiti in carcere oggi a Sassari, Giuseppe Dore e Marinella D’Onofrio, avevano concepito un “protocollo terapeutico”, la psiconeuroanalisi, divulgato a livello nazionale dai loro colleghi che, sostenuto come efficace terapia contro il morbo di Alzheimer e in genere contro tutte le forme di demenza, si concretizzava in gravissime violenze fisiche e psicologiche nei confronti dei pazienti, tutte documentate dalle riprese dei carabinieri. Il consigliere regionale del Pdl Antonello Peru, invece, è stato arrestato in quanto si sarebbe adoperato per fare stipulare una convenzione tra la Asl di Sassari e l’associazione Aion per la concessione di locali nell’ospedale Alivesi di Ittiri, con l’impegno per futuri progetti di collaborazione. Peru si sarebbe adoperato anche per la stesura da parte della Asl di un bando per la ricerca scientifica, in modo che risultasse vincitrice la stessa Aion.

 

Con tag Disabilità

Commenta il post