XXIV Marcia della Pace : "La libertà religiosa, via per la pace". Questo è il tema voluto da Papa Benedetto XVI.

Pubblicato il da abbadorzusolidale.over-blog.it

PAPA-BENEDETTO-XVI.jpg

COMITATO PROMOTORE

Via Gramsci, 5

09036 GUSPINI

Tel. 070/970052

e-mail : marciadellapace@tiscali.it

 

Caritas

Diocesi di

Ales-Terralba

 

XXIV MARCIA DELLA PACE

«Libertà religiosa, via per la pace»

 

Guspini, 29 dicembre 2010

Ore 15,00

 

APPELLO

 

La XXIV Marcia della Pace promossa dalla Caritas della Diocesi

di Ales-Terralba, dal Centro Servizi del Volontariato Sardo,

dalla Provincia del Medio Campidano e dal Comune di Guspini

a cui aderiscono comunità ecclesiali, associazioni di

volontariato, partiti, sindacati ed enti civili, quest’anno 2010 ha

come tema quello della Giornata Mondiale della Pace del 1

gennaio 2011 “La libertà religiosa, via per la pace”. Tema voluto

dal Papa Benedetto XVI.

Ancora oggi in tanti paesi non c’è libertà religiosa e il

cristianesimo come ha detto Bernardo Henry Levy è la

comunità più costantemente, violentemente e impunemente

perseguitata su scala planetaria.

In Iran, in Pakistan, in Afganistan, in Iraq, a Gaza, in Palestina,

nei paesi Arabi ai cristiani è impedito di professare il loro culto.

In Sudan c’è una interminabile guerra di stermini condotta dai

fondamentalisti islamici del Nord contro i sudisti cristiani e lo

stesso in Eritrea.

In Congo, in Nigeria preti e fedeli cattolici sono uccisi nelle

chiese da uomini che l’incubo della cospirazione ha reso folli.

In Iraq preti e laici cattolici vengono trucidati in chiesa, chiese e

case dei cattolici sono fatte saltare in aria per costringerli a

lasciare la loro Patria dove abitano da duemila anni.

In India i fondamentalisti indù fanno bruciare chiese e cristiani.

Nei regimi totalitari come Cina, Corea del Nord, Cuba i fedeli

vengono perseguitati, chiusi in prigione, nei campi di

concentramento, uccisi.

In Egitto i Copti, in Algeria i pochi cristiani restati, sono

discriminati, uccisi. “i piccoli resti” dei cristiani costretti a

scomparire da tanti paesi.

Bisogna denunciare questa ondata omicida di cui i cristiani

sono vittime come bisogna denunciare ogni persecuzione di

credenti, di religiosi diverse.

Non c’è, ne ci deve essere, un permesso di uccidere quando si

tratta di credenti, un permesso di opprimere, umiliare,

martirizzare in nome di chissà quale ideologia.

Oggi bisogna difendere i credenti.

Per questo facciamo appello a tutti gli amanti della pace, a tutti

gli operatori di pace perché si fermi in tutte le nazioni l’odio, la

discriminazione, la persecuzione, gli omicidi, le barbarie verso

tutti i credenti.

La libertà religiosa è via della pace.

E c’è un altro dramma che sale come oceano oscuro a

sommergere la pace nel mondo: la povertà.

Avevamo sperato che gli obiettivi del millennio per la lotta

delle povertà avrebbero messo fine alla povertà, alla fame, alla

non istruzione, al sottosviluppo. Oggi dopo dieci anni non solo

la povertà non è vinta ma aumenta.

PACE.jpg

La povertà aumenta anche da noi, in questa terra di Sardegna;

la crisi mondiale non da segni di soluzione: sempre più nazioni

entrano nella povertà. L’Italia, il Medio Campidano, terra di

non lavoro e di infimo reddito scivola sempre più nella povertà:

tanti singoli e famiglie sono poveri e povere sono le istituzioni.

Con questa Marcia noi vogliamo dire basta alla povertà,

vogliamo con la nostra speranza e il nostro impegno mettere un

argine alla povertà che avanza, vogliamo creare benessere e

sviluppo per tutti. Per uscire dalla povertà facciamo appello a

una formazione delle coscienze, ad un educazione alla

cittadinanza, ai valori civili e culturali che hanno fatto grande

questa nostra terra: la solidarietà e il volontariato.

Noi vogliamo combattere la povertà per costruire la pace, qui,

tra di noi e nel mondo.

Il Comitato Promotore

Commenta il post